Nico D'ascola | D’Ascola ha risposto: “Del raddoppio dobbiamo discutere”
828
single,single-post,postid-828,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

D’Ascola ha risposto: “Del raddoppio dobbiamo discutere”

01 lug D’Ascola ha risposto: “Del raddoppio dobbiamo discutere”

(ANSA) – ROMA, 30 GIU – Alla riunione oltre al ministro della Giustizia, Andrea Orlando (Pd), erano presenti per il Pd la presidente della commissione Giustizia della Camera Donatella Ferranti, il capogruppo in commissione Walter Verini, il responsabile Giustizia del partito David Ermini; per Ap, il vice ministro della Giustizia Enrico Costa, il responsabile giustizia del partito Nico D’Ascola e il senatore Carlo Giovanardi. Sul tavolo il tema della riforma della prescrizione con un allungamento dei termini, compreso per i reati di corruzione. “L’incontro è stato un passo avanti”, ha detto Verini, spiegando che si è dato mandato ad effettuare un approfondimento a un gruppo ristretto formato dai relatori dei provvedimenti, Stefano Dambruoso di Scelta civica alla Camera e Rosaria Capacchione al Senato, e dai responsabili giustizia di Pd e Ap. “Si può lavorare per arrivare a un raddoppio dei termini attuali di prescrizione per la corruzione – ha aggiunto Verini – C’è una volontà comune di mettere la lotta alla corruzione al primo posto: su questo il Pd ha insistito, spero si allarghi il consenso”. E interpellato proprio su questo punto dai cronisti, D’Ascola ha risposto: “Del raddoppio dobbiamo discutere”. Più in generale, Area popolare teme che interventi sulla prescrizione che vadano ad allungare eccessivamente i termini, si riflettano sulla lunghezza dei processi. “I dati statistici del ministero ci dicono che non c’è un’emergenza prescrizione e l’incidenza è bassa – ha detto D’Ascola – ma siamo favorevoli a scongiurare anche questo minimo rischio. Dobbiamo però evitare tempi troppo lunghi dei processi: siamo per una posizione moderata. Abbiamo fatto anche una proposta provocatoria: eliminiamo la prescrizione, ma allora fissiamo tempi predeterminati tra una fase e l’altra del processo”. (ANSA). BOS 30-GIU-15 15:09 NNNN