Nico D'ascola | (DIRE) Reggio Calabria, 13 dic. – “L’unica soluzione accettabile e’ quella dell’alleanza con il Partito democratico per una serie di ragioni che ho spiegato nel corso della direzione del partito”.
1999
single,single-post,postid-1999,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

(DIRE) Reggio Calabria, 13 dic. – “L’unica soluzione accettabile e’ quella dell’alleanza con il Partito democratico per una serie di ragioni che ho spiegato nel corso della direzione del partito”.

14 dic (DIRE) Reggio Calabria, 13 dic. – “L’unica soluzione accettabile e’ quella dell’alleanza con il Partito democratico per una serie di ragioni che ho spiegato nel corso della direzione del partito”.

(DIRE) Reggio Calabria – “L’unica soluzione accettabile e’ quella dell’alleanza con il Partito democratico per una serie di ragioni che ho spiegato nel corso della direzione del partito”. Lo ha dichiarato all’agenzia Dire il senatore calabrese, Nico D’Ascola (Ap), in riferimento alle future alleanze per le elezioni politiche del 2018. “Dal punto di vista politico, guardando al futuro – ha aggiunto D’Ascola – dopo cinque anni di esperienza governativa, che noi riteniamo costituisca il nostro patrimonio, registriamo una situazione economica migliore rispetto al passato. E cio’ non sarebbe avvenuto se non ci fossimo alleati con il Pd”. “Tutti i dati registrano una ripresa piu’ o meno intensa dell’economia. Quindi guardando al futuro dobbiamo pensare allo sviluppo di quanto fatto in questi cinque anni”. “La legge elettorale attuale prevede coalizioni, quindi – ha ancora affermato il senatore – non vedo il motivo per rompere un’alleanza che in questi anni ha prodotto dei risultati. Mi dovrei coalizzare con chi non ho mai avuto rapporti o con chi ho gia’ lavorato?” “Nella coalizione di Forza Italia ci sono partiti che si dichiarano estremisti. Un partito che si stima moderano e che esprime valori di centro non dovrebbe allearsi con partiti estremisti. Qui, in questo caso, non si parla della destra tradizionale. È una contraddizione – ha concluso D’Ascola – anche rispetto ai valori del Partito popolare europeo”. (Mav/Dire)