Nico D'ascola | FINE VITA. INTERVISTA AL PRESIDENTE NICO D’ASCOLA (AP): “PAPA NON PARLA DI EUTANASIA “
1944
single,single-post,postid-1944,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

FINE VITA. INTERVISTA AL PRESIDENTE NICO D’ASCOLA (AP): “PAPA NON PARLA DI EUTANASIA “

17 nov FINE VITA. INTERVISTA AL PRESIDENTE NICO D’ASCOLA (AP): “PAPA NON PARLA DI EUTANASIA “

Roma, 16 nov. – “Il papa dice una cosa perfettamente condivisibile, che coincide col pensiero scientifico: accanimento terapeutico e eutanasia non sono la stessa cosa”. Lo dice il senatore di Ap Nico D’Ascola, intervistato dall’agenzia Dire. “L’accanimento terapeutico- spiega- implica un’insistenza inutile sin dall’inizio, perche’ si tratta di una cura inidonea a determinare un risultato utile alla salute del paziente. Non ha nulla a che vedere con l’eutanasia. C’e’ bisogno di buon senso per non determinare confusioni imperdonabili”. L’eutanasia invece, aggiunge D’Ascola, “consiste nell’interruzione della vita con la fine delle interruzione cure o la somministrazione, per esempio, di psicofarmaci che la determinano morte del paziente: tutte attivita’ finalizzate a determinare la morte”. Il Parlamento riuscira’ ad approvare il biotestamento, fermo al Senato, prima della fine della legislatura? “Chi e’ bravo a dare una risposta si faccia avanti- premette D’ASCOLA- non sappiamo quale sara’ la durata effettiva della legislatura: se il Parlamento si dovesse sciogliere a fine febbraio ci potrebbe essere lo spazio. Allo stato c’e’ un testo estremamente conflittuale, dove si dovra’ cercare un accordo politico. Non c’e’ una situazione di concordia sul testo”. (Anb/ Dire)