Nico D'ascola | Il presidente Nico D’Ascola su Ius soli e Biotestamento
1985
single,single-post,postid-1985,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

Il presidente Nico D’Ascola su Ius soli e Biotestamento

06 dic Il presidente Nico D’Ascola su Ius soli e Biotestamento

IUS SOLI. INTERVISTA, D’ASCOLA (AP): DA CATTOLICO ERRORE NON VOTARLO (DIRE) Roma, 6 dic. – “Personalmente lo ius soli lo avrei votato, mi sembra una cosa crudele non riconoscere la cittadinanza a un bambino. Da cattolico dico che mi sembra un errore madornale non approvarlo”. Il senatore di Ap Nico D’ASCOLA sferza i suoi colleghi e i parlamentari che si dicono cattolici: la legge sulla cittadinanza andava votata. Intervistato dalla Dire, D’ASCOLA osserva: “Non possiamo avere delle persone ostili in Italia, vanno integrate. Integrarle e’ un modo per non renderle ostili e se non gli diamo la cittadinanza come pensiamo di integrarle?”. Sempre da cattolico, D’ASCOLA boccia invece il biotestamento: “Attualmente l’orientamento del nostro partito e’ per un voto contrario, perlomeno proponiamo delle modifiche. E’ una questione di coscienza per noi cattolici, e’ un tema sottratto alla politica, perche’ per noi il fine ultimo e’ la tutela della vita. Mi auguro che dalle trattative sul testo possa eventualmente scaturire un accordo che renda la legge accettabile”. Al momento, ribadisce, non e’ cosi’: “Per noi cattolici allo stato questa legge determinerebbe una forma indiretta di eutanasia. Il punto non e’ politico, ma di fede religiosa e orientamento spirituale”. (Anb/ Dire) 13:32 06-12-17 NNNN