Nico D'ascola | Istituto italiano anticorruzione
724
single,single-post,postid-724,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

Istituto italiano anticorruzione

20 apr Istituto italiano anticorruzione

Lunedì 27 aprile h. 16.00, seminario sul tema “Vantaggi competitivi dell’anticorruzione e del controllo di legalità di impresa: strumenti di premialità per le aziende sane”, (presso i locali di Confindustria Reggio Calabria), nell’ambito del cartellone di eventi patrocinato da “GLI STATI GENERALI DELLA CULTURA” –
COMUNICATO STAMPA
L’Istituto Italiano per l’Anticorruzione, nato nel 2014 sotto l’Alto patronato della Presidenza della Repubblica Italiana con lo scopo di favorire la cultura e la divulgazione dell’Etica, della Legalità e dell’Anticorruzione nei rapporti tra privati e pubbliche amministrazioni, nonché in genere come costume e stile di vita, ha aderito agli Stati Generali della Cultura promossi dall’Assessore alla Cultura e Legalità della Provincia di Reggio Calabria dott. Eduardo Lamberti Castronuovo, proponendo alcuni eventi dedicati alla cultura della Legalità, dell’Etica e dell’Anticorruzione, quali fattori di crescita e di benessere dell’individuo, della società civile e del tessuto imprenditoriale.
In particolare, il prossimo Lunedì 27 aprile h. 16.00, presso i locali di Confindustria Reggio Calabria, si terrà il seminario dal tema “Vantaggi competitivi dell’anticorruzione e del controllo di legalità di impresa: strumenti di premialità per le aziende sane”, rivolto ad imprese, tecnici, amministratori, giuristi, consulenti ed operatori. L’evento formativo è organizzato con il patrocinio degli Stati Generali della Cultura e di Confindustria Reggio Calabria ed altresì con il patrocinio dell’Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria, dell’Ordine dei Commercialisti e revisori contabili di Reggio Calabria e dell’Ordine Consulenti del Lavoro Consiglio provinciale di Reggio Calabria, della Camera degli Avvocati Amministrativisti di Reggio Calabria CAA; è accreditato presso l’Ordine degli avvocati e dei dottori commercialisti con il riconoscimento di n. 3 crediti formativi.
Apriranno i lavori i saluti istituzionali del Presidente di Confindustia Ing. Andrea Cuzzocrea e dell’Assessore alla Cultura e Legalità della Provincia di Reggio Calabria Eduardo Lamberti Castronovo. Sono previsti la partecipazione e gli interventi del Prof. Avv. Alberto Panuccio (Presidente dell’ordine degli Avvocati di Reggio Calabria), del Dott. Bernardo Femia (Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Reggio Calabria), della Dott.ssa Flaviana Tuzzo (Presidente dell’Ordine Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale di Reggio Calabria), dell’Avv. Rosario Infantino (Presidente Camera degli Avvocati Amministrativisti di Reggio Calabria -C.A.A.).
L’approfondimento dei temi del convegno è affidato alle relazioni di illustri ospiti ed alla straordinaria partecipazione del Sen. Avv. Prof. Nico D’Ascola (Professore ordinario di diritto penale nell’Università di Reggio Calabria, avvocato e pubblicista – membro della 2ª Commissione permanente –Giustizia – al Senato e relatore su numerosi disegni di legge in materia di contrasto alla criminalità mafiosa e di anticorruzione nel settore pubblico e privato). Seguirà la relazione dell’Avv. Federico Bergaminelli (Presidente dell’Istituto Italiano per l’Anticorruzione IIA, Formatore Management e consulente per la redazione dei Piani Anticorruzione e modelli ex 231). Nella sezione interventi, sono già programmati quelli del dott. Antonio Signorello (Direttore della Banca d’Italia, Filiale di Reggio Calabria) e dell’avv. Luigi Occhiuto (membro del Centro Studi dell’Istituto Italiano per l’Anticorruzione IIA, specializzato nella materia dei controlli interni di legalità). Modera l’avv. Concettina Siciliano (dottore di ricerca in diritto amministrativo e specialista in diritto dell’economia – pubblicista – formatore management – membro del direttivo C.A.A. di Reggio Calabria e responsabile scientifico I.I.A.).
Si tratta di un seminario nel quale si illustrerà cosà cambierà sul “fronte della lotta alla corruzione” e si approfondiranno gli strumenti normativi di riferimento (di diritto pubblico ed in materia di responsabilità penale, di appalti e di accesso al credito), attraverso i quali lo Stato incentiva le aziende private a investire nei controlli di conformità alla legge e gli enti pubblici e privati ad adottare mezzi di contrasto alla corruzione. Esso si rivolge alle imprese ed agli operatori e professionisti ed è aperto e libero nella partecipazione agli amministratori e funzionari delle Pubbliche amministrazioni ed ai cittadini. Ha un taglio tecnico ed assicura la finalità di illustrare ai partecipanti come l’innovazione in legalità non debba essere più considerata “un lusso che non ci si può permettere”, ma un investimento necessario e strategico per la tenuta sociale e per la ripresa dell’economia.
Direzione Scientifica IIA
Responsabile di Zona Calabria – Sicilia
(f.to Avv. Concettina Siciliano)