Nico D'ascola | LA FEDERAZIONE NAZIONE DELLA STAMPA ITALIANA SUL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DEL SENATO NICO D’ASCOLA
1483
single,single-post,postid-1483,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

LA FEDERAZIONE NAZIONE DELLA STAMPA ITALIANA SUL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DEL SENATO NICO D’ASCOLA

21 dic LA FEDERAZIONE NAZIONE DELLA STAMPA ITALIANA SUL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DEL SENATO NICO D’ASCOLA

Torna in discussione al Senato la riforma della diffamazione, soddisfatta la Fnsi.
Torna in discussione in commissione Giustizia del Senato il ddl di riforma della diffamazione. «Va dato atto al presidente D’Ascola di aver mantenuto l’impegno assunto nel corso dell’iniziativa sulle querele temerarie promossa in Fnsi da Articolo21», commentano il segretario Lorusso e il presidente Giulietti.
L’intervento del senatore D’Ascola alla recente iniziativa sulle querele temerarie
Il segretario generale e dal presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti esprimono viva soddisfazione per la decisione del presidente della commissione Giustizia del Senato, Vincenzo D’Ascola, di inserire all’ordine del giorno della seduta di oggi, mercoledì 21 dicembre, la discussione sul disegno di legge di riforma della diffamazione.
 
«Va dato atto al presidente D’Ascola – dicono – di aver mantenuto l’impegno assunto nel corso di una recente iniziativa sulle querele temerarie promossa sede della Fnsi da Articolo21. È auspicabile che la ripresa dell’iter del ddl consenta un esame approfondito del contenuto della proposta, in modo che si possa giungere all’effettiva cancellazione del carcere per i giornalisti e all’introduzione di sanzioni pecuniarie efficaci per chi fa ricorso alle querele temerarie. Pensare, come fa qualcuno, di trasformare questo passaggio parlamentare in una resa dei conti con i giornalisti, introducendo lacci e lacciuoli alla libertà di espressione, è sbagliato e non potrà non essere contrastato in ogni sede».