Nico D'ascola | Nico D’Ascola (Ap): “La Regione Calabria soffre di un isolamento strutturale che non può essere aggravato da eventi che rischiano di soffocare le già deboli opportunità dell’economia calabrese”.
854
single,single-post,postid-854,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

Nico D’Ascola (Ap): “La Regione Calabria soffre di un isolamento strutturale che non può essere aggravato da eventi che rischiano di soffocare le già deboli opportunità dell’economia calabrese”.

23 lug Nico D’Ascola (Ap): “La Regione Calabria soffre di un isolamento strutturale che non può essere aggravato da eventi che rischiano di soffocare le già deboli opportunità dell’economia calabrese”.

“La riapertura al traffico della carreggiata nord del Viadotto Italia, rappresenta l’ impegno concreto da parte dei vertici dell’Anas e dei senatori calabresi di Area Popolare, nel risolvere un problema importante per la viabilità in Calabria”. Ad affermarlo è senatore Nico D’Ascola, responsabile giustizia Area Popolare. “In un momento particolarmente difficile, dovuto all’esodo estivo, l’intensificazione dei lavori per la messa in opera di un tratto essenziale per i collegamenti della regione è sintomatico della determinazione nel richiamare l’attenzione del Governo e dell’Anas su una situazione che rischiava di compromettere definitivamente la stagione turistica calabrese. Si è risolta, anche se in parte, una problematica che ha creato grandi disagi agli automobilisti, al movimento delle merci, alla mobilità regionale. La Regione Calabria soffre di un isolamento strutturale che non può essere aggravato da eventi che rischiano di soffocare le già deboli opportunità dell’economia calabrese. L’intervento dell’ Anas è stato diretto a risolvere le difficoltà, fronteggiando l’ emergenza scaturita dal crollo del Viadotto e dalle successive disposizioni dell’ attività giudiziaria. Prendiamo atto con soddisfazione di una soluzione parziale che limiterà le problematiche che ancora persistono per raggiungere la Calabria e il Meridione. L’impegno da parte dell’Anas con un programma pluriennale di investimenti 2015-2019, consentirà di effettuare interventi necessari per risolvere le criticità strutturali delle strade, garantire maggiore sicurezza e migliori livelli di percorribilità delle vie di collegamento essenziali per lo sviluppo economico e la crescita sociale di ogni regione”.