Nico D'ascola | Nico D’Ascola : “il professore Giuliano Vassalli, prima di essere un uomo di legge è stato un combattente per la libertà e l’indipendenza del Paese”
845
single,single-post,postid-845,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

Nico D’Ascola : “il professore Giuliano Vassalli, prima di essere un uomo di legge è stato un combattente per la libertà e l’indipendenza del Paese”

09 lug Nico D’Ascola : “il professore Giuliano Vassalli, prima di essere un uomo di legge è stato un combattente per la libertà e l’indipendenza del Paese”

Nico D’ Ascola (Ap): “Il professore Giuliano Vassalli, prima di essere un uomo di legge è stato un combattente per la libertà e l’indipendenza del nostro Paese”.

“Il ricordo dell’illustre professore Giuliano Vassalli, che si terrà oggi alla facoltà di giurisprudenza dell’Università “ La Sapienza” di Roma, vuole dare il giusto e doveroso tributo ad grande giurista ed uomo di cultura”. Lo dichiara il senatore Nico D’Ascola, responsabile giustizia Area Popolare. “Un uomo d’azione che ha sempre difeso con fermezza e senso del dovere, a rischio della propria vita, i principi di libertà del nostro Paese, contribuendo con le sue idee ed intuizioni al miglioramento del nostro ordinamento. Il professore Vassalli, del quale mi onoro di essere stato allievo, si è distinto per le sue importanti iniziative legislative e giuridiche che ancora oggi rappresentano significativi traguardi del nostro sistema giuridico. Una grande figura, professore emerito di diritto penale, socialista, presidente della Corte Costituzionale, Ministro della giustizia che ha saputo unire qualità professionali ed umane che raramente possono essere riscontrate in una persona. Prima di essere un uomo di legge è stato un combattente per la libertà e l’indipendenza del nostro Paese. Da comandante militare della Resistenza partigiana a Roma, non ha esitato a favorire l’evasione di Pertini e Saragat dal carcere di Regina Coeli, perseguitato dalle SS non ha ceduto malgrado le torture che gli sono state inflitte, delle quali ha portato i segni durante tutta la restante parte della sua vita. Ricordarlo e onorarlo è un riconoscimento che deve coinvolgere tutto il Paese che il professore Vassalli ha sempre difeso, ispirandosi ai più alti valori di libertà, uguaglianza e giustizia sociale”.