Nico D'ascola | Professione
398
page,page-id-398,page-parent,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

Professione

Curriculum dell’attività professionale

 

    • Nico D’Ascola svolge l’attività professionale di avvocato penalista (patrocinante in Cassazione) ed è titolare di studio a Milano, Roma e Reggio Calabria.

E’ stato eletto Senatore della Repubblica il 24 febbraio 2013
E’ Professore di diritto penale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università Mediterranea
E’ Membro della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari del Senato
E’ Membro del Comitato parlamentare per i procedimenti d’accusa
E’ vicepresidente della Commissione contenziosa
E’ Direttore e e fondatore  della Scuola di Cultura Politica istituita presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria insieme all’ Istituto Isesp di Reggio Calabria
E’ stato eletto il 21 gennaio 2016 Presidente della Commissione Giustizia del Senato

  • E’ stato membro della Giunta e del Direttivo Nazionale dell’Unione delle Camere Penali Italiane.
  • Ha fatto parte della “Commissione Ministeriale per l’attuazione della legge delega istitutiva della competenza penale del Giudice di Pace”, nominata dal Ministro della Giustizia con proprio decreto in data 08.02.2000.
  • È stato membro dell’ultima “Commissione Ministeriale di studio per la riforma del Codice Penale”, istituita nell’anno 2006 dal Ministro della Giustizia e presieduta dall’On.le Giuliano Pisapia, dopo essere stato membro anche della precedente Commissione presieduta dal dott. Carlo Nordio (2001).
  • Ha partecipato, come relatore, a numerosi convegni, corsi e seminari in tema di Diritto Penale indetti e organizzati da diverse Università italiane, da Consigli dell’Ordine degli Avvocati, da Camere Penali territoriali, dall’Unione delle Camere Penali Italiane, dal Consiglio Superiore della Magistratura e dall’Associazione Nazionale Magistrati, dalla società nazionale di ginecologia, dalla scuola di Psicoterapia psicoanalitica dell’età evolutiva nonché da vari Enti e Istituti di diritto privato.
  • Ha partecipato ed ha inoltre personalmente tenuto corsi di formazione professionale sia per praticanti procuratori legali e/o avvocati, nonché per magistrati, in varie città d’Italia presso diversi distretti di Corte di Appello e un Master in diritto penale per gli operatori della sanità organizzato dalla Università Mediterranea di Reggio Calabria.
  • Ha inoltre coordinato i corsi di formazione professionale organizzati dall’Unione delle Camere Penali Italiane, congiuntamente alle Camere penali territoriali, per tutto il nord Italia.
  • Ha diretto per due anni la pagina di “Italia Oggi” dedicata ai problemi della giustizia penale, scrivendone i relativi articoli.
  • È autore di numerose pubblicazioni, tra le quali, in particolare, si segnalano: Un Codice non soltanto antimafia. Prove generali di trasformazione del sistema penale, in Confronto di idee su: «Procedimento di prevenzione: evoluzione e involuzione», Archivio penale, 2012; I reati contro l’amministrazione della giustizia, in Fiorella (a cura di), Questioni fondamentali della parte speciale, Torino, 2012; La tutela dell’innocente nel delitto di calunnia, in Studi in onore di Franco Coppi, Torino, 2011; Il progressivo sdoppiamento della confisca come risposta dell’ordinamento al fatto-reato e come strumento di controllo delle manifestazioni sintomatiche di pericolosità “patrimoniale”, ne La Giustizia patrimoniale penale, a cura di A. Bargi e A. Cisterna, tomo I, in Diritto e procedura penale, collana diretta da A. Gaito – B. Romano – M. Ronco – G. Spangher, Torino, 2011; Il trattamento sanzionatorio della falsa testimonianza al vaglio dei principi costituzionali di proporzionalità, ragionevolezza e rieducazione, in Giur. cost., 2010; Impoverimento della fattispecie e responsabilità penale “senza prova”. Strutture in trasformazione del diritto e del processo penale, Reggio Calabria, 2008; Reato e pena nell’analisi delle condizioni obiettive di punibilità, Napoli, 2004; Tra diritto e politica, Reggio Calabria, 2004; Il dolo nel tentativo: considerazione sul rapporto tra fattispecie oggettiva e fattispecie soggettiva, in Riv. it. dir. proc. pen., 1981; Sulla rilevanza delle circostanze cosiddette ad effetto speciale, dopo la riforma del ’74, in Riv. it. dir. proc. pen., 1981; Riflessi sistematici della qualifica pubblicistica degli operatori del credito in Banca, borsa e titolo di credito, 1982; Limiti all’applicazione della disciplina del reato continuato nella fase della esecuzione, in Riv. it. dir. proc. pen., 1991. Ha curato, altresì, le voci dell’Enc. giur. Treccani: Costringimento fisico (vol. X, 1988) e Oblazione (vol. XXI, 1990).