Nico D'ascola | TORTURA: D’ASCOLA, TESTO CONDIVISO TRA CAMERA E SENATO PER EVITARE RIMPALLI =
851
single,single-post,postid-851,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

TORTURA: D’ASCOLA, TESTO CONDIVISO TRA CAMERA E SENATO PER EVITARE RIMPALLI =

14 lug TORTURA: D’ASCOLA, TESTO CONDIVISO TRA CAMERA E SENATO PER EVITARE RIMPALLI =

Roma, 13 lug. (AdnKronos) – “Per evitare rimpalli ci incontreremo, Camera e Senato, per mettere a punto un testo che dia soddisfazione a entrambi”. Lo afferma all’Adnkronos il senatore Nico D’Ascola dopo le modifiche apportate dalla Commissione Giustizia del Senato al disegno di legge sulla tortura.
Alle polemiche legate all’introduzione nel testo del concetto di “reiterate violenze”, D’Ascola, relatore al ddl, risponde che “per essere tortura la violenza e la minaccia devono assumere una pregnanza e un valore nettamente differenziato rispetto ai reati già previsti dal nostro ordinamento dal 1930 e puniti con pene nettamente inferiori”. “La tortura – continua – è un comportamento reiterato nella sua accezione semantica. Non basta un atto isolato di violenza o di minaccia perché costituirebbe la struttura di un delitto molto meno grave”.
Tuttavia, spiega il senatore, “il testo prevede anche atti unici di violenza che, se particolarmente significativi, possono costituire tortura. Questa tipologia di attività illecita – conclude – è coperta nel testo dall’espressione ‘ovvero agendo con crudeltà’”.

Notizie