Nico D'ascola | Unioni civili:Sacconi-D’Ascola, cattolici-laici a Family Day – Successo manifestazione non potrà che influenzare Parlamento
1011
single,single-post,postid-1011,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive

Unioni civili:Sacconi-D’Ascola, cattolici-laici a Family Day – Successo manifestazione non potrà che influenzare Parlamento

15 gen Unioni civili:Sacconi-D’Ascola, cattolici-laici a Family Day – Successo manifestazione non potrà che influenzare Parlamento

“La annunciata marcia e
manifestazione a San Giovanni del prossimo 30 gennaio deve
rappresentare luogo d’incontro di cattolici e laici adulti
impegnati a difendere l’uomo dagli esperimenti antropologici
delle élite. Confidiamo che tutti i parlamentari di buona
volontà sostengano con puro spirito di servizio questa
iniziativa che sale spontanea dalla società. Essa non potrà non
influenzare il Parlamento se, come crediamo, avrà successo, in
quanto rappresentativa di quel senso comune del popolo che
emerge in tutti i sondaggi come maggioritario”. Lo dichiarano i
senatori di Area popolare, Maurizio Sacconi e Nico D’Ascola.
“Questa legittima spinta di una società maggioritaria che
chiede di essere riflessa nell’azione parlamentare è destinata a
travolgere ogni illusione di mediazione formalistica, come
l’affido, perché i nodi sono chiari. La genitorialità
omosessuale o c’è o non c’è e se non la si vuole si devono anche
smontare le unioni civili disegnate sul matrimonio, dal cognome
unico, alla quota di legittima, al “comune indirizzo familiare”,
alla reversibilità della pensione, con lo scopo di evitare
l’immediata deriva giurisprudenziale. E anche sull’utero in
affitto la scelta deve essere chiaramente indirizzata a
qualificarlo come reato universale”, concludono i due senatori
centristi.